Quando si decide di imbiancare casa, non tutti i periodi sono infatti ideali per portare a termine questa operazione, in quanto c’è la necessità di arieggiare gli ambienti in modo da eliminare i forti odori che possono caratterizzare le lavorazioni.

Proprio per questo motivo la cosa migliore da fare sarebbe quella di procedere in primavera o in estate, quando si possono tenere aperte le finestre senza eccessivi problemi.

Non esiste un arco di tempo prefissato per fare le operazioni di tinteggiatura, in media la tinteggiatura viene decisa ogni 5 anni, ma in alcuni casi può passare molto più tempo senza che si renda realmente necessario intervenire.
Quali sono i costi per imbiancare casa? Considerando la grande varietà di offerte proposte dal mercato i prezzi possono variare in maniera considerevole, dipendendo da una serie di fattori come le sostanze da utilizzare, le tecniche, gli effetti e la manodopera. In assoluto proprio l’ultimo fattore è quello che pesa maggiormente sulla spesa finale.

Imbiancare casa per bene comporta costi che vanno valutati con attenzione. Si può anche pensare al fai da te, ben sapendo però che il risultato finale non sarà mai alla pari di quello garantito da professionisti del ramo.

Attenzione alle truffe

Imbiancare casa comporta costi che in tempi di crisi possono spingere molti consumatori a cercare strade alternative. A tal proposito occorre fare attenzione per non incorrere in vere e proprie truffe. Basti considerare le offerte a prezzi stracciati proposte da alcuni siti, in particolare a quelle che promettono cifre irrisorie come 150 euro per procedere all’imbiancatura di un’abitazione di 90 metri quadri calpestabili, ovvero 270 imbiancabili.

Si tratta di una pratica commerciale poco ortodossa, ripetutamente segnalata dalle associazioni dei consumatori. L’inghippo sta nel fatto che un appartamento tra i 70 e i 90 metri quadri corrisponde nella pratica a una superficie imbiancabile media di 350-400 metri quadri.

Solo nell’ipotesi che le stanze superino i 36 metri quadri, una misura che molti saloni si sognano, si può realizzare la condizione di una superficie calpestabile di 270 metri quadrati. Il normale rapporto delle abitazioni tra superficie calpestabile e imbiancabile si attesta nella stragrande maggioranza dei casi ad un rapporto di 1 a 4 o anche 1 a 5, mai di 1 a 3 come invece farebbe capire l’offerta, puntando sull’equivoco.

Quali possono essere le conseguenze cui si espone il consumatore che aderisca a questo tipo di offerta? Molto semplicemente finirà per pagare i cosiddetti costi extra soglia, in quanto la superficie da imbiancare realmente supera sempre i 270 metri quadri.

Va a questo punto sottolineato come i prezzi extra soglia siano elevatissimi, tanto da far diventare un vero bagno di sangue quello che in origine si prospettava come un affare. Alla fine imbiancare casa comporterà costi molto più alti di quelli che si sarebbero pagati affidando il compito ad un normale professionista.

Inoltre la rivalsa davanti ad un giudice diventa praticamente impossibile ove il consumatore non abbia provveduto a chiedere un preventivo o imposto all’imbianchino di fermarsi ai 270 metri preventivati.  Questi, infatti, non è tenuto ad avvertire il cliente che la soglia in questione sta per essere superata.

Un esempio puramente indicativo

I costi per imbiancare casa variano in maniera significativa. A scopo puramente indicativo possiamo dire che una casa di 80 metri quadrati può costare in regime di fai da te tra i 200 e i 500 euro circa, mentre se si affida l’incarico ad un imbianchino professionale può aggirarsi tra i 1500 e i 3mila euro circa, tutto compreso.

E’ consigliabile fare una valutazione più esaustiva delle proprie necessità e cercare di capire se si possieda o meno la necessaria manualità in grado di assicurare un risultato perlomeno decente. Nel caso contrario si potrebbe scoprire ben presto una lunga serie di difetti tali da comportare un nuovo intervento, con rinnovate spese e seccature. Ne vale proprio la pena?

Meglio affidarsi a professionisti

costi, imbiancare casaIl consiglio che possiamo dare quando si tratta di imbiancare casa e si intenda contenere i costi è quello di rivolgersi a professionisti seri e richiedere in particolare il preventivo. Proprio il documento che riporta tutte le voci di spesa e il costo finale dell’operazione può contribuire non poco a far individuare la proposta migliore in relazione alle proprie particolari esigenze.

Una volta ricevuti i documenti, sarebbe poi il caso di scartare l’offerta più bassa e quella più alta. La prima, in particolare, come tutte quelle troppo basse, potrebbe nascondere un servizio non accurato o una mancanza di professionalità.

Dopo aver fatto una selezione preliminare, si può quindi fare un confronto tra le rimanenti, in modo da capire quale possa essere la più corrispondente alle proprie esigenze. Risparmiare è sempre un’ottima cosa, a patto di non andare incontro a truffe o servizi poco professionali. Una cosa che dovrebbe sempre essere ricordata quando si cercano servizi e prodotti in grado di tenere insieme qualità e convenienza.



Desidereresti ulteriori informazioni e ricevere fino a cinque preventivi gratuiti?

Sei un Imbianchino e cerchi nuovi clienti? Richiedi ora

Quando si decide di imbiancare casa, non tutti i periodi sono infatti ideali per portare a termine questa operazione, in quanto c’è la necessità di arieggiare gli ambienti in modo da eliminare i forti odori che possono caratterizzare le lavorazioni. Proprio per questo motivo la cosa migliore da fare sarebbe…

Recensione dell'articolo

Utilità - 93%
Pertinenza - 96%
Chiarezza - 98%

96%

Ottimo

Articolo esauriente sui costi per imbiancare casa

Valutazione Utente: 3.8 ( 1 voti)